Osservazioni su attività di caccia di Chirotteri

Osservazioni su attività di caccia di Chirotteri in aree montane della provincia di Belluno
Vernier E., 2005 – Osservazioni su attività di caccia di Chirotteri in aree montane della provincia di Belluno. In: Bon M, Dal Lago A., Fracasso G. (red.), Atti 4° Convegno Faunisti Veneti. Associazione Faunisti Veneti, Natura Vicentina, 7: 101.
 
Abstract: Lo studio estivo della attività di caccia di Chirotteri vespertilionidi, effettuato per oltre un decennio nei mesi estivi in alcune località della provincia di Belluno (nei comunui di Borca di Cadore, San Vito di Cadore e Cortina d’Ampezzo) ha mostrato analogie con situazioni di pianura e collina, e differenze significative nella composizione delle specie, che cacciano di preferenza sotto o nei pressi dei lampioni stradali. Nell’area del Cadore, a quote comprese tra gli 800 e i 1000 metri, sono presenti il Pippistrello nano (e/o il suo gruppo) Pipistrellus pipistrellus s.l., e il Serotino comune – Eptesicus serotinus, Lontano dalle aree illuminate, nei prati falciati è stato individuato il Vespertilio di Blyth – Myotis blythii. Nel lago di San Vito é stato osservato il Vespertilio di Daubenton – Myotis daubentonii. In comune di Cortina d’Ampezzo, a nord, (oltre i 1300 m di quota) la fauna è molto simile a quella dell’Alto Adige, e sono stati rilevati oltre a Pipistrellus pipistrellus e Eptesicus serotinus, il Serotino di Nilsson – Eptesicus nilssonii e il Serotino bicolore – Vespertilio murinus. Queste ultime due specie sono state a lungo considerate molto rare in Italia, ma gli studi recenti dimostrano la loro presenza in varie aree del nord Italia (lungo l’arco alpino, dalla Lombardia del Nord al Friuli Venezia Giulia).
 
Download Full Text

160